Secondo il rapporto annuale di l’1,5% di frutta, verdura e derivati che finisce sulle nostre tavole è contaminato oltre il livello di sicurezza. Tra fitofarmaci e anticrittogamici, cresce la presenza dei “multi residuo”. Frutta e verdura fanno bene e bisogna mangiarne cinque porzioni al giorno. E’ il ritornello che medici e nutrizionisti ripetono ossessivamente. Ma chi non possiede un orto tutto suo come può essere certo di non mangiare “veleni”? Nel rapporto annuale “ nel piatto”,

Legambiente riconosce gli sforzi fatti dal nostro Paese per un uso sostenibile dei fitofarmaci ma evidenzia, rispetto allo scorso anno, una maggiore presenza di campioni “multi residuo” (3 per cento in più rispetto al 2009), quelli nei quali sono contenuti contemporaneamente più residui chimici diversi. […]

 

Leggi l’articolo completo su repubblica

Troppi pesticidi nel piatto E ricompare il . ultima modifica: 2013-10-15T17:16:31+00:00 da Staff mio benessere

Pin It on Pinterest

Shares
Share This