Gli Spinaci

SPINACI | SPINACH

spinacia oleracea
Spimaci valori nutrizionali

Acidi grassi: oleico ω-9 [1], linoleico ω-3 [1], linolenico ω-6 [1,5]
Acidi organici: ossalico
Aminoacidi: cido aspartico, acido glutammico [1], alanina, arginina, cisteina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, valina
Fibre: pectine
Polifenoli [10]
Flavonoidi [11]
Flavoni: luteolina [1,9]
Flavonoli: kaempferol [1,9], quercetina [1,9], miricetina [1,9]
Fitosteroli [1]
Antiossidanti: glutatione [8]
Altri componenti: betaina [1], clorofilla, spinacina, luteolina [1,12]
Minerali e oligoelementi: alluminio, calcio [1,2], cloro, ferro [1,2], fluoro, fosforo [1,2], magnesio [1], manganese, potassio [1,2], rame [1], selenio, zinco [3, 7]
Vitamine e antiossidanti: A [1], B1 [1], B2 [1], B3, B5, B6 [1], B12 (tracce), acido folico, beta carotene [1, 2], beta criptoxantina, C [1,2], E [1,4], K [1], alfa carotene, colina [1], folati [1, 4], Retinolo eq., [2], luteina + zeaxantina [1]

N.B. I valori indicati si riferiscono a 100 grammi di prodotto.
Spimaci benefici principali
Antiossidanti
Antianemici
Antiscorbutici
Depurativi
Energetici
Ipotensivi
Lassativi
Ricostituenti linfatici
Rimineralizzanti di grande valore
Tonicardiaco
Spimaci la ricerca scientifica
Gli spinaci contengono molti nutrienti di grande importanza, antiossidanti, vitamine, minerali, clorofille, ma anche importanti quantità di proteine e fibre. Sono famosi al mondo intero come fonte di ferro, anche se ci sono altri alimenti, come le lenticchie, che ne contengono un quantitativo più elevato. Il succo di limone aggiunto agli spinaci cotti favorisce l’assimilazione di questi componenti, che in alcuni casi sono ostacolati dalla presenza negli spinaci dell’acido ossalico. La presenza di clorofilla favorisce la metabolizzazione in particolare di ferro e calcio.

In Bioactive Foods in Promoting Health il dott. Ronald Ross Watson, PhD, professore di scienze della promozione della salute presso l’Università dell’Arizona, dedica un capitolo agli Spinaci e al loro contenuto di Vitamina A, come rilevante fattore di salute.

Degenerazione maculare – Uno studio americano sui consumi alimentari ha analizzato 356 soggetti di età com­presa fra i 55 e gli 80 anni a cui era stata diagnosticata una degenerazione maculare avanzata, lo studio comprendeva altri 520 soggetti affetti da altre malattie oculari. I ricercatori hanno scoperto che maggiore era l’apporto di carotenoidi assunti, minore era la frequenza di ammalarsi di degenerazione maculare.

Valutando statisticamente l’apporto di carotenoidi è risultato che i soggetti che ne consu­mavano di più presentavano il 43% di malattie in meno rispetto a quelli che ne con­sumavano meno.

– Tra gli alimenti vegetali consumati (broccoli, carote, spinaci o cavolo nero, zucca dolce e patata dolce) è risultato che la massima protezione ve­niva fornita dagli spinaci o dal cavolo nero: le persone che mangiavano questi ortaggi cinque o più volte alla settimana presentarono l’88% di malattia in meno rispetto a quelli che consumarono questi ortaggi meno di una volta al mese [6].

Perdita di peso – La fame endemica è la voglia di cibi malsani come dolci o fast food, che molte persone provano per diverse cause: obesità, cattive abitudini alimentari, fattori psicologici. Uno studio svedese è stato condotto sugli spinaci, dimostrando che l’assunzione di estratti di spinaci contenente tilacoide, aumenta la produzione di ormoni della sazietà con funzione di sopprime la fame endemica.

– Lo studio comprendeva 38 donne in sovrappeso per una durata di tre mesi. Ogni mattina prima dela colazione i partecipanti hanno assunto una bevanda verde. La metà delle donne ha ricevuto 5 grammi di estratto di spinaci e l’altra metà, il gruppo di controllo, ha ricevuto un placebo. I partecipanti non sapevano a quale gruppo appartenessero. I partecipanti sono stati invitati nel seguire una dieta bilanciata che includeva tre pasti al giorno e di non seguire nessuna latra dieta.

– Risultati: il gruppo di controllo ha perso in media 3,5 kg mentre il gruppo che ha ricevuto tilacoide ha perso 5 kg. Charlotte Erlanson-Albertsson, che ha condotto lo studio afferma: “Il gruppo tilacoide ha mostrato più facilità nel rispettare i tre pasti al giorno, senza inoltre essere sopraffati dalle voglie per il cibo cattivo” [13].

Riflessi – Una interessante e non comune ricerca dell’Università di Leiden, in Olanda, ha dimostrato che mangiare spinaci rende più veloci e scattanti.

– Lo studio, condotto dalla psicologa Lorenza Colzato e pubblicato sulla rivista Neuropsychologia, ha analizzato come la tirosina, un amonoacido, sia in grado di produrre due importanti neurotrasmettitori nel cervello: dopamina e norepinefrina. Nello studio erano previsti due gruppi di volontari per un totale di 22 uomini adulti sani; divisi in 2 gruppi, uno di questi doveva assumere un succo di frutta arricchito con tirosina, l’altro un succo con placebo. La dott.ssa Colzato e colleghi hanno sottoposto i membri dei due gruppi nella condizione di interrompere un’attività ripetitiva in un determinato momento. Il test prevedeva che i partecipanti dovevano guardare con molta attenzione e concentrazione lo schermo di un computer, ad un certo punto sullo schermo sarebbe comparsa una freccia verde, e in quel preciso momento dovevano premere un pulsante il più velocemente possibile; nello stesso tempo dovevano assicurarsi che il pulsante da loro scelto doveva trovarsi nella stessa direzione della freccia dello schermo, ma se sullo schermo appariva una freccia rossa, a questo punto i partecipanti dovevano alzare immediatamente del tutto le mani dalla tastiera.

– Risultati: i partecipanti con riflessi più veloci, erano quelli che avevano bevuto il succo con tirosina [14].

References
1. U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. 2011. USDA National Nutrient Database for Standard Reference, Release 24.

2. Carnovale E & Miuccio F (1989). Tabelle di composizione degli alimenti. Istituto Nazionale della Nutrizione, Roma.

3. Carnovale E & Marletta L (1997) Tabelle di Composizione degli Alimenti. Istituto Nazionale della Nutrizione, Roma.

4. Holland B, Unwin ID, Buss DH (1991). Vegetables, herbs & Spices. The fifth supplement to McCance & Widdowson’s The Composition of Foods (4th edition). Royal Society of Chemistry. Ministry of Agricolture, Fishering and Foods.

5. Paul AA, Southgate DAT (1988). McCance and Widdowson’s The Composition of Foods. Fourth revised and extended edition of MRC special report no. 297. London: Her Majesty’s Stationery Office.

6. National Research Council “Recommended dietary allowances”, Tenth edition, National Academy Press, Washington, D.C., 1989.

7. INRAN – Tabelle di composizione degli alimenti: Unità di Chimica degli Alimenti.

8. Simopoulos A.P., Normanna H.A., Gillaspy J.E. “Portulaca nella nutrizione umana e le sue potenzialità per l’agricoltura mondiale” Mondo Rev Nutr Diet 77; 1995.

9. Chu, Y-H., Chang, C-L., and Hsu, H-F. “Flavonoid content of several vegetables and their antioxidant activity” – 2000 J. Sci. Food Agric. 80.

10. J Pérez-Jiménez, V Neveu, F Vos and A Scalbert “Identification of the 100 richest dietary sources of polyphenols: an application of the Phenol-Explorer database” – European Journal of Clinical Nutrition (2010) 64, S112–S120; doi:10.1038/ejcn.2010.221.

11. Nuutila, A.M., Kammiovirta, K., and Oksman-Caldentey, K.-M. Comparison of methods for the hydrolysis of flavonoids and phenolic acids from onion and spinach for HPLC analysis. 2002 Food Chem. 76 4 pp.519-525.

12. Chu, Y-H., Chang, C-L., and Hsu, H-F. Flavonoid content of several vegetables and their antioxidant activity. 2000 J. Sci. Food Agric. 80 pp.561-566

13. Montelius C, Erlandsson D, Vitija E, Stenblom EL, Egecioglu E, Erlanson-Albertsson, Body weight loss, reduced urge for palatable food and increased release of GLP-1 through daily supplementation with green-plant membranes for three months in overweight women – Appetite. 2014 Oct;81:295-304.

14. Steenbergen L, Sellaro R, Hommel B, Colzato LS Tyrosine promotes cognitive flexibility: evidence from proactive vs. reactive control during task switching performance – Neuropsychologia 2015 Mar;69:50-5.

REGISTRATI AL PROSSIMO WEBINAR DEL 12 SETTEMBRE 2019

NUTRIZIONE NATURALE PER IL TUO BENESSERE

"In che modo frutta verdura e frutti di bosco favoriscono il tuo benesse psico-fisico"

Si voglio partecipare gratuitamente e senza alcun impegno al webinar.
Dopo la registrazione riceverai il link per accedere al webinar.

Gentile utente le prenotazioni saranno presto disponibili. Ti consigliamo di iscriverti alla lista Benessere & Nutrizione per ricevere una mail con le nuove date.

Attività Antiossidante
1056*
*J.Agric. Food. Chem. 52 – (2004)
Origini
Le origini delle spinaci paiono risalire al continente asiatico, in Nepal, dove pare siano stati coltivati per la prima volta.
Conosciuta già ai greci e latini, documenti antichi addebitano agli Arabi l’introduzione in Europa, dalla Spagna alla Francia.
Esistono testimonianze che asseriscono che nel cinquecento, a Firenze, le suore benedettine coltivassero già le spinaci nei loro orti.
Antiche tradizioni
Gli spinaci sono coltivati da molti anni in tutto il mondo non solo come cibo, ma come pianta medicinale usata in molte medicine tradizionali.
Scrive De Rougemont che gli spinaci sono considerati dai popoli “la migliore” delle verdure a foglie, la più ricca di nutrienti.
Particolarità

L’associazione tra Braccio di ferro e gli spinaci ha origine da un’operazione pubblicitaria negli USA. La creazione del personaggio fu commissionata da produttori americani di spinaci in scatola con lo scopo di incrementarne i consumi decantandone le virtù nutrizionali, soprattutto tra i bambini.

Chat Live
Parla con noi

Supplementi nutrizionali di frutta, verdura e frutti di bosco

Sostitutivi di pasto per il tuo Peso Ideale

Supplementi certificati per il Fitness e lo Sport amatoriale e professionale

Supplementi nutrizionali idonei per i tuoi figli

Per una colazione energetica o come snack pomeridiano

I nostri consigli, le nostre soluzioni, il nostro supporto in tempo reale

SPINACI ultima modifica: 2018-06-04T18:45:46+01:00 da Staff il mio benessere

Pin It on Pinterest

Shares
Share This