Go to Top

Dattero

Dattero | Dates

Dattero valori nutrizionali:

  • Acidi grassi: linoleico ω-3, oleico ω-9
  • Acidi organici: malico
  • Aminoacidi: acido aspartico [1]glutammico [1], alanina, arginina, cisteina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, valina
  • Fibre: pectine
  • Polifenoli
  • Flavonoidi
  • Oligosaccaridi
  • Altri componenti: betaina, cumarina
  • Minerali e oligoelementi: calcio [2]ferro, magnesio [1]fosforo [2], potassio [2], sodio, zinco, rame, manganese, selenio
  • Vitamine e antiossidanti: A, B1, B2, B3B5 [1], B6, [2], D, E, beta carotene [2],colina [1]folati [2]K, luteina + zeaxantina [1]

N.B. I valori indicati si riferiscono a 100 grammi di prodotto.

Dattero proprietà:

  • Antinvecchiamento
  • Antianemico
  • Energetico
  • Lassativo
  • Nutriente
  • Rimineralizzante
  • Tonico muscolare e nervino

Dattero la ricerca scientifica:

I datteri sono molto ricchi di potassio, ne contengono addirittura più delle banane. Questa caratteristica permette al dattero di equilibrare il livello di liquidi nell’organismo e mantenere un buon funzionamento del sistema cardiovascolare; la presenza di fosforo invece è di sostegno alle nostre funzioni celebrali. Un frutto ricco di nutrienti e dai mille benefici conosciuto da tempi antichissimi che non deve mai mancare nella nostra alimentazione.

Referenze

  1. U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. 2011. USDA National Nutrient Database for Standard Reference, Release 24.
  2. Holland B, Unwin ID, Buss DH (1992). Fruits and Nuts. The first supplement to McCance and Widdowson’s The Composition of Foods (5th edition). Royal Society of Chemistry and Ministry of Agricolture, Fisheries and Foods.

Immagine dattero

Dattero


AVVERTENZE

 

email
Condividi questo postShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on Tumblr0Share on LinkedIn0Buffer this pageEmail this to someonePrint this page

Phoenix dactylifera

Miscellanea:

Attività Antiossidante
2360*
*U.S. Department of Agriculture (Database ORAC 2010)

Origini
→ La pianta da dattero è considerato il primo albero coltivato dall’uomo.
→ La pianta sembra essere originaria del Nordafrica.

Antiche tradizioni
→ Gli egizi attribuivano alla pianta del dattero il simbolo di fertilità, mentre nel cristianesimo le sue foglie rappresentano un simbolo di pace richiamando l'ingresso di Gesù a Gerusalemme.

Particolarità
→ ll suo nome deriva dal greco "daktilos" che significa dito, a ricordare appunto la sua forma.
→ Il dattero secco è privo di molte sostanze vitali.

Il tuo Mi Piace aiuterà altre persone a conoscerci. Grazie!