La Ciliegia

CILIEGIA | CHERRIES

PRUNUS AVIUM
Ciliegia valori nutrizionali:

Acidi grassi: linoleico ω-3 [3,5], linolenico ω-6 [3,5], oleico ω-9
Acidi organici: citrico, malico, ossalico, succinico, tartarico
Aminoacidi: acido aspartico, glutammico, arginina, fenilalanina, glicina, isoleucina, istidina, leucina, lisina, metionina, prolina, serina, tirosina, treonina, valina
Fibre
Polifenoli
Flavonoidi: biflani
Antociani
Flavonoli: kaempferol [3,8], miricetina [3,8], quercetina [3,8]
Altri componenti: Betaina [3,10], melatonina [11] 
Minerali e oligoelementi: calcio [1,3], cobalto, ferro [1,3], fluoro [3,9], fosforo [1,3], magnesio [3], manganese, potassio [1,3], rame [3], zinco [3,4], selenio [3], zolfo
Vitamine e antiossidanti: A [3], B1 [1, 3], B2 [1,3], B3 [1,3], B5 [1,3], B6, C [1,3], E [2,3], folati [2,3], k, beta carotene [1,3,10], retinolo eq. [1], colina [3], luteina + zeaxantina [3,10]


N.B. I valori indicati si riferiscono a 100 grammi di prodotto.
Ciliegia proprietà:
Antiossidante
Antireumatico
Antinfettivo
Antibatterico
Antianemica
Anticolesterolo
Diuretico
Depurativo
Disintossicante
Fungicida
Immunostimolante
Lassativa
Regolatore epatico
Rinfrescante
Rimineralizzante
Sedativo nervino

Ciliegia la ricerca scientifica:

La ricerca scientifica sulle ciliegie vanta numerosi studi per indagare sui benefici di questo meraviglioso frutto rosso; basti pensare alle oltre 50 ricerche per studiare i benefici delle ciliegie nella riduzione dei fattori di rischio per diabete e malattie cardiovascolari. Altre indagini sono state avviate sulle capacità antinfiammatorie delle ciliegie con oltre 15 studi, sulla riduzione dello stress ossidativo, 10 studi, sull’artrite, stress, ansia, memoria e funzioni cognitive.
La ciliegia è un alimento denso e nutriente con un contenuto calorico estremamente basso e con una ricchezza di importanti nutrienti e componenti bioattivi tra cui molte fibre, polifenoli [12], carotenoidi, vitamina C e potassio [12], le ciliegie sono anche una buona fonte di triptofano, serotonina e melatonina [13].

References

1. Carnovale E & Miuccio F (1989). Tabelle di composizione degli alimenti. Istituto Nazionale della Nutrizione, Roma.

2. Holland B, Unwin ID, Buss DH (1992). Fruits and Nuts. The first supplement to McCance and Widdowson’s The Composition of Foods (5th edition). Royal Society of Chemistry and Ministry of Agricolture, Fisheries and Foods.

3. U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. 2011. USDA National Nutrient Database for Standard Reference, Release 24.

4. Fidanza F & Versiglioni N (1989). Tabelle di composizione degli alimenti. Istituto di Scienza dell’Alimentazione. Università degli Studi di Perugia. Ed. Idelson, Napoli.

5. Gebhardt SE, Cutrufelli R, Matthews RH (1990). Composition of foods: fruits and fruit juices. USDA Agricolture Handbook No. 8-9.*

6. de Brito, E. S., de Araújo, M. C. P., Alves, R. E., Carkeet, C., Clevidence, B. A., and Novotny, J. A. “Anthocyanins present in selected tropical fruits: Acerola, Jambolão, Jussara, and Guajiru” – 2007 J. Agric. Food Chem. 55.

7. Ancos, B. de, Gonzalez, E., and Cano, M. P. “Differentiation of raspberry varieties according to anthocyanin composition” – 1999 Z. Lebensm Unters Forsch A 208.

8. Ribani, H. F., Huber, L. S., and Ridriguez-Amaya, D. B. “Flavonols in fresh and processed Brazilian fruits” – 2009 J. Food Comp. Anal. 22.

9. Robert Ophaug “Fluoride, Unpublished – Ophaug” – Microdiffision.

10. Nutrient Data Laboratory, ARS, USDA “National Food and Nutrient Analysis Program Wave 4e” – 2001 Beltsville MD.

11. 29. Zhao Y., Tan D.X., Lei Q., Chen H., Wang L., Li Q.T., Gao Y., Kong J. Melatonin and its potential biological functions in the fruits of sweet cherry. J. Pineal Res. 2013;55:79–88.

12. McCune L.M., Kubota C., Stendell-Hollis N.R., Thomson C.A. Cherries and health: A review. Crit. Rev. Food Sci. Nutr. 2011;51:1–12.

13. Garrido M., Espino J., Toribio-Delgado A.F., Cubero J., Maynar-Marino J.I., Barriga C., Paredes S.D., Rodriguez A.B. A jerte valley cherry-based product as a supply of tryptophan. Int. J. Tryptophan Res. 2012;5:9–14.

Attività Antiossidante
4873*
*J.Agric. Food. Chem. 52 – (2004)
Origini
Si coltivano in tutto il mondo ma non se ne conosce l’origine.
Antiche tradizioni

La prima testimonianza della presenza in Italia risale al II secolo a.C., dovuta a Varrone che ne illustrò i procediemnti di innesto.
Molto spesso si dice delle ciliegie che siano un frutto “luculliano”, questo perché furono introdotte in Italia da Lucullo. Infatti, da nord a sud dell’Italia, la ciliegia è indicata in molti dialetti col termine cerasa che deriva dal latino “cerasum” che significa appunto ciliegia.

Particolarità

La ciliegia Acerola è nota in Europa come “la Ciliegia Amazzonica” per il caratteristico colore rosso.
Mangiare ogni giorno 250 gr ca. di ciliegie può abbassare notevolmente l’acido urico.

CILIEGIA ultima modifica: 2018-06-04T20:43:42+00:00 da Staff mio benessere

Pin It on Pinterest

Shares
Share This