Iricercatori guidati da Qi Sun presso la Harvard School of Public Health di Boston, nel Massachusetts, hanno esaminato gli stili alimentari tra la popolazione di chi mangiava determinati frutti e se avessero sviluppato il . I risultati sono pervenuti da 187.382 professionisti sanitari americani la cui salute e le cui abitudini sono state monitorate per oltre 20 anni. In tre coorti prospettiche di uomini e donne statunitensi, sono state scoperte le associazioni tra rischio di di tipo 2 ed i singoli frutti.

Tra questo grande numero di soggetti, più di 12.000 partecipanti alla ricerca hanno sviluppato il diabete di tipo 2.

Interessanti sono risultati ottenuti in relazione ai diversi frutti consumati: le persone che hanno mangiato uva, uvetta, mele, pere e in particolare mirtilli è stato associato ad un minor rischio di diabete. Al contrario, le persone che hanno bevuto succhi di frutta ha riscontrato un lieve aumento della malattia. Spiegano i ricercatori che la causa di questo aumento in chi beveva succhi di frutta sia forse dovuto alla mancanza di particolari fitonutrienti specifici della frutta e all’introduzione di più zucchero, contenuto nei succhi, nel sangue più rapidamente. [1]

Sostituendo i succhi di frutta con questi tipi di frutti – sostiene il direttore dello studio Qi Sun – il rischio diabete potrebbe ridursi del 33%“.

References
1. Isao Muraki, Fumiaki Imamura, JoAnn E Manson, Frank B Hu, Walter C Willett, Rob M van Dam, Qi Sun, Fruit consumption and risk of type 2 diabetes: results from three prospective longitudinal cohort studies – BMJ 2013; 347 (August 2013)
, mele e , ecco la ricetta antidiabete. ultima modifica: 2013-09-05T23:17:09+02:00 da Staff il mio benessere

Pin It on Pinterest

Shares
Share This