Le favoriscono il Peso Ideale

Un recente studio condotto dai ricercatori della Georgia State University di Atlanta ha dimostrato che consumare alimenti ricchi di fibre può favorire il miglioramento della flora batterica intestinale con conseguenze positive anche sul nostro peso ideale.

Lo studio spiega che promuovendo la crescita di batteri intestinali benefici, la fibra alimentare potrebbe quindi prevenire sovrappeso e obesità, la e disfunzioni dell’intestino.

L’obesità è fortemente legata alla sindrome metabolica, un cluster di condizioni che includono ipertensione, glicemia alta, eccesso di grasso corporeo intorno alla vita e livelli anormali di trigliceridi o colesterolo. Essendo l’obesità in aumento, è fondamentale capire come tutte queste condizioni lavorano insieme.

La sindrome metabolica è considerata una malattia infiammatoria cronica, che comporta alterazioni delle relazioni tra i batteri intestinali e l’intestino.

Alimenti impoveriti

In questi ultimi 30 anni le società occidentali hanno “imposto” nuove abitudini alimentari con nuovi prodotti alimentari pronti per l’uso, cibi precotti, alimenti raffinati, ecc. molti di alimenti non presentano fibre o ne contengono minime quantità. Mangiando in questo il nostro intestino è costretto a subire alterazioni della flora batterica intestinale, e non in positivo.

Alcuni ricercatori tendono a spiegare così l’aumento della sindrome metabolica.

Un regime alimentare privo di fibre altera la composizione dei batteri intestinali, abbassa le percentuali e modifica i rapporti delle specie batteriche. Inoltre, le diete a basso contenuto di fibre aumentano la capacità dei batteri di invadere le cellule epiteliali dell’intestino; questa condizione è pericolosa perché provoca una risposta infiammatoria spesso non percepita e protratta nel tempo.

Quando mancano le fibre

Un articolo, pubblicato di recente sulla rivista Cell Host and Microbe, esplora la relazione tra obesità, batteri intestinali, infiammazione e assunzione di fibre in un nuovo scenario.

Studi precedenti avevano dimostrato che gli integratori inulina, una fibra fermentabile, riducevano l’accumulo di grasso e i sintomi della sindrome metabolica. Tuttavia, consumare abbastanza inulina comporta conseguenze negative, come flatulenza e gonfiore. Per questo motivo, è importante capire esattamente come lavorano le fibra sulla nostra salute. Una volta descritto il meccanismo, potrebbe essere possibile trovare modi più efficienti e meno ventosi per raggiungere lo stesso obiettivo.

Un team di scienziati – guidato dal dott. Andrew Gewirtz, professore presso l’Institute for Biomedical Sciences (Georgia USA) – si è recentemente impegnato a sviluppare una teoria più soddisfacente guardando a precedenti studi che indicavano negli acidi grassi a catena corta un ruolo di forte riduzione dell’infiammazione migliorando il metabolismo; il responsabile di questo processo sembrava essere il recettore GPR43 degli acidi grassi. Il dottor Gerwirtz e il suo team volevano testare e confermare questa teoria.

Ruolo della fibra nell’intestino e oltre

Per rispondere a queste domande, i ricercatori hanno nutrito i topi con una delle due diete, entrambe ad alto contenuto di grassi noti per indurre l’obesità nei roditori, le due diete prevedevano:

  1. Basso contenuto di fibre (5% di cellulosa come fonte di fibre)
  2. Alto contenuto di Fibra (inulina o cellulosa insolubile)

Come previsto, dopo un periodo di 4 settimane, i topi alimentati con la arricchita con inulina hanno mostrato una riduzione dell’obesità e una riduzione delle dimensioni delle ; i topi alimentati con inulina avevano anche un colesterolo più basso e una minore incidenza di livelli anormali di zucchero nel sangue: disglicemia.

Disglicemia
Chiamata anche pre-diabete sta a indicare una condizione di alterata glicemia, che non necessariamente sfocia in un diabete conclamato, quindi non irreversibile.
E’ molto importante riconoscere precocemente un’alterata glicemia a digiuno perché, pur non essendo una condanna al diabete, rappresenta un segno di preavviso che qualcosa non va nel nostro corpo, è una fase i n cui è possibile rallentare o escludere del tutto l’esordio della malattia.

I topi alimentati con cellulosa, tuttavia, mostravano solo lievi riduzioni dell’obesità e della disglicemia.

Gli effetti positivi osservati nei topi alimentati con inulina erano dovuti a una serie di fattori: i livelli di batteri intestinali sono stati ripristinati; l’aumento della produzione di cellule epiteliali intestinali e l’espressione della proteina interleuchina-22, (fattore di sopravvivenza per le cellule epiteliali e gastrointestinali), è stata ripristinata.

L’IL-22 sembra prevenire l’infiammazione bloccando i batteri intestinali dall’invasione delle cellule epiteliali. Gli autori ipotizzano che IL-22 interrompa l’invasione batterica aumentando la velocità con cui vengono prodotte nuove cellule epiteliali, aumentando la produzione di proteine ​​antibatteriche.

Questo studio ha rivelato il meccanismo utilizzato per ripristinare la salute dell’intestino sopprimendo l’obesità e la sindrome metabolica: è l’induzione dell’espressione di IL-22. Questi risultati contribuiscono alla comprensione dei meccanismi che stanno alla base dell’obesità indotta dalla dieta e offrono l’opportunità di ulteriori approfondimenti su come le fibre fermentabili possano promuovere una salute migliore“. – Dott. A. Gewirtz

Mentre la società occidentale lotta sotto il peso di un’epidemia di obesità, qualsiasi studio che dia nuove informazioni sull’obesità e sui disordini metabolici è importante.

I ricercatori stanno gradualmente approfondendo le relazioni tra i batteri intestinali, la dieta e l’infiammazione, e il quadro sta diventando sempre più chiaro.

 

L’ Inulina negli alimenti

  • banane
  • carciofi
  • radice di cicoria
  • tarassaco
  • asparagi
  • cipolla
  • aglio

Che cos’è l’Inulina
– E’ fibra vegetale solubile molto presente in alcune piante come sostanza di riserva (appartiene alla famiglia dei fruttani). H un valore calorico di 1 Kcal per grammo. E’ solubile, chimicamente appartiene alla famiglia dei fruttani. Può considerarsi un prebiotica (ingrediente alimentare non-digeribile), in grado di stimolare la crescita e/o all’attivazione di uno o più batteri presenti nel tratto intestinale, il che permette di riequilibrare la flora batterica intestinale.

Disturbi
L’inulina essendo uno fibra fermentabile potrebbe peggiorare le condizioni di salute in chi è affetto da colite o altri disturbi digestivi.

References

J. Zou, B. Chassaing, V. Singh, M. Pellizzon, M. Ricci, M. D. Fythe, M. V. Kumar, A. T. Gewirtz, “Fiber-Mediated Nourishment of Gut Microbiota Protects against Diet-Induced Obesity by Restoring IL-22-Mediated Colonic Health”, doi.org/10.1016/j.chom.2017.11.003.

Orel R. and Kamhi T., “Trop Intestinal microbiota, probiotics and prebiotics in inflammatory bowel disease”, World J Gastroenterol. 2014 Sep 7; 20(33): 11505–11524.

Casellas F, Borruel N, Torrejón A, Varela E, Antolin M, Guarner F, Malagelada JR., “Oral oligofructose-enriched inulin supplementation in acute ulcerative colitis is well tolerated and associated with lowered faecal calprotectin”. Aliment Pharmacol Ther. 2007;25:1061–1067.

Che cos'è il peso ideale e come raggiungerlo.

Partecipa alla prossima presentazione!

7 NOVEMBRE 2018

ore 21,15
10 POSTI DISPONIBILI

L'evento è gratuito

In che modo le fibre prevengono l’aumento di peso? ultima modifica: 2018-07-10T16:48:51+00:00 da Staff mio benessere

Pin It on Pinterest

Shares
Share This