GLI ENZIMI

G li enzimi sono strutture molecolari di natura proteica che negli organismi viventi svolgono funzioni fondamentali per attivare i normali processi metabolici nell’organismo. Se è vero che siamo ciò che mangiamo e ancora più vero che siamo ciò riusciamo ad assorbire o digerire. Gli enzimi svolgo proprio questa importante funzione, scindono i grossi frammenti di cibo in unità sempre più piccole più facilmente assorbibili: permettono alle proteine di essere scisse in aminoacidi, i carboidrati complessi in zuccheri semplici e i lipidi (grassi) in acidi grassi e glicerolo.

Gli enzimi vengono prodotti da nutrienti specifici. Se questi sono carenti, ne conseguirà ben presto una carenza anche di enzimi (il che significa che l’organismo sarà in grado di utilizzare i nutrienti che effettivamente assume in maniera ridotta, provocando una carenza enzimatica ancora maggiore, e così di seguito, in un ciclo continuo). Per esempio, lo zinco è necessario per produrre sia l’acido gastrico che gli enzimi che scindono le proteine, le proteasi.

Il numero degli enzimi esistenti in natura è molto elevato (se ne conoscono circa 700 varianti), questo gran numero è giustificato dal fatto che la maggior parte delle reazioni chimiche biologiche sono accelerate dagli enzimi.

Gli enzimi sono composti chimici delicatissimi, la loro resistenza al calore (termolabilità) è bassissima, ciò significa che la cottura dei cibi determina una perdita elevatissima o totale degli enzimi, causando il blocco dei processi enzimatici. Altri composti che contrastano l’attività enzimatica sono: acidi con basi forti; ioni di metalli pesanti; azioni meccaniche come le alte pressioni, ecc.

Per aumentare il proprio potenziale enzimatico dobbiamo mangiare cibi crudi.

Il termine “enzima” fu coniato dal fisiologo tedesco Wilhelm Kühne nel 1897.

Le due principali categorie di enzimi sono:

Sinteasi
Idrolasi

Alcune fonti alimentari di enzimi:

Frutta
Verdura
yogurt
Germogli freschi vari.
Cibi fermentati: kefir, Tamari, Tofu, Miso
Zenzero
Miele biologico
Semi oleaginosi
Alghe

Pin It on Pinterest

Shares
Share This